La zucca è un alimento dal sapore particolarmente delicato che si presta a diverse preparazioni, dagli antipasti ai contorni ai primi piatti e risotti in brodo vegetale.

Tuttavia, nonostante la sua versatilità, non è sempre facile trovare il vino giusto in abbinamento alla zucca: proprio la sua aromaticità richiede particolare attenzione, basta poco infatti per snaturare un piatto profumato e delicato a base di zucca coprendone il sapore.

Fortunatamente è sufficiente mettere in atto alcuni semplici accorgimenti per valorizzare la tendenza dolce della zucca con il vino che ne esalti i sapori.

Ecco quali regole seguire per perfetto abbinamento tra zucca e vino e come scegliere i vini da degustare in base alla tipologia dei piatti a base di zucca.

Abbinamento zucca e vino: le regole generali

Per eseguire un abbinamento perfetto tra zucca e vino è necessario prendere in considerazione le sfumature di gusto e l’aromaticità dei singoli piatti e individuare la bottiglia che meglio si presti a raggiungere una buona armonia tra sensazioni percepite.

Per questo motivo diventa indispensabile capire l’intensità della pietanza e l’ingrediente protagonista del piatto che andremo a degustare per individuare quale vino possa esaltarne il sapore.

I vini da abbinare alla zucca possono essere scelti secondo due regole fondamentali:

Abbinamento per similitudine

Per scegliere il vino perfetto da abbinare alla zucca il primo criterio da seguire è quello della somiglianza.

La caratteristica principale di questo ortaggio è proprio la sua dolcezza, dunque sceglieremo un vino che abbia le stesse proprietà ossia una concentrazione di zuccheri elevata, di buona aromaticità e profumazione.

Per mettere in risalto la delicatezza e le note dolci della zucca l’ideale è dunque l’accostamento ad un vino rosato fresco dalle note agrumate e mentolate di buona morbidezza che si accosti ai piatti a base di zucca senza coprirne il gusto.

Abbinamento per contrasto

La seconda regola da seguire per trovare il giusto abbinamento del vino con la zucca è quella del contrasto.

Spesso proprio per apprezzare l’aromaticità di un piatto a base di zucca eccessivamente dolce è necessario creare la giusta contrapposizioni di sapori tra pietanza e vino.

L’abbinamento per contrapposizione unisce la tendenza dolce della zucca ad un vino dalle caratteristiche opposte, di spiccata acidità ed effervescenza.

Un vino bianco con spiccata acidità con una buona struttura, è in grado di contrastare in modo equilibrato la succulenza di un piatto a base di zucca opponendogli una buona persistenza e le sue qualità di morbidezza. Ideale l’abbinamento con un vino frizzante o spumante di elevata freschezza e fine effervescenza.

In linea di massima un vino semplice si abbina ad un piatto leggero e delicato, un vino complesso si accosterà meglio, invece, ad una preparazione elaborata.

Ecco come scegliere il vino da abbinare alle varie tipologie di piatti a base di zucca per creare la giusta armonia di sapori.

Zucca e vino: ricette e abbinamenti

Le ricette a base di zucca si distinguono l’una dall’altra in funzione degli altri ingredienti che si uniscono e fondono ad essa.

L’abbinamento del vino con i piatti a base di zucca dunque dovrà tener conto della tendenza predominante della pietanza, che può andare dal dolce al grasso fino al piccante.

Dai primi piatti alle zuppe, ogni piatto a base di zucca si connota per il suo sapore dolciastro ma si differenza per intensità e potenza gustativa, a cui si abbineranno vini dalle caratteristiche organolettiche di volta in volta diverse.

Ecco i principali piatti a base di zucca e i vini consigliati in abbinamento:

Risotto alla zucca

Il riso alla zucca è un primo piatto di buona cremosità e aromaticità, pertanto richiederà un vino che sia in grado di sgrassare l’untuosità al palato creato dall’amido ma senza appiattirne il gusto.

In questo caso si potrà scegliere l’abbinamento per contrasto, soprattutto nel caso in cui il risotto alla zucca preveda l’aggiunta di altri ingredienti quali noci e speck che ne esalteranno la complessità al palato.

Il vino ideale per questo piatto sarà dunque uno spumante brut, di buona struttura ed effervescenza, spiccatamente acido, come ad esempio un buon Cáralis Cantine di Dolianova. Elegante e intenso con note fruttate, questo spumante brut Chardonnay ha un buon corpo ed una gradevole freschezza floreale in grado di contrastare l’eccessiva dolcezza del piatto.

In alternativa è possibile abbinare un vino dal gusto dolce che si accosti per somiglianza al piatto anziché contrastarne il sapore dolciastro, ad esempio un rosso dal profumo delicato come il Monica di Sardegna Doc.

Il risotto alla zucca, se preparato con l’aggiunta di ingredienti di buona sapidità come il parmigiano, ammette anche l’abbinamento con un vino rosso giustamente tannico ed equilibrato, di buona morbidezza che non nasconda il gusto della zucca, come il Terresicci Cantine di Dolianova, al naso intenso, persistente e complesso.

Zucca saltata al rosmarino

Questo gustoso contorno dal sapore delicato si accompagna molto bene al vino bianco, che ne esalterà delicatamente gli aromi e si fonderà perfettamente al suo gusto dolce.

Ideale è l’abbinamento con un bianco come il Prendas, Vermentino di Sardegna Doc, intenso e persistente, acidulo, con delicata e caratteristica vena amarognola sul finale.

Petto d’anatra alla crema di zucca

Un secondo piatto estremamente gustoso, il petto d’anatra e zucca combina sapientemente due ingredienti molto diversi tra loro ma in perfetta armonia.

Questa pietanza raffinata, in cui il gusto deciso della carne viene esaltato dalla dolcezza della zucca, si abbina molto bene ad un vino bianco deciso ma al tempo stesso aromatico e speziato, come il Montesicci, Nasco di Cagliari Doc Cantine di Dolianova, in grado di accostarsi molto bene al piatto con una piacevole sapidità e una buona persistenza.

Zuppa di zucca

Un piatto come la zuppa di zucca, in cui spicca la dolcezza della verdura, può essere facilmente degustato con un vino di medio corpo e delicato, dalla buona persistenza gusto-olfattiva ma non troppo morbido in modo da contrastare la tendenza dolce del piatto.

L’ideale è dunque un vino di buona sapidità e vena alcolica moderata o un bianco dalla spiccata acidità che esalti l’aromaticità della pietanza.

Perfetto anche un vino rosato di buona frizzantezza, come il Dolì Rosè Cantine di Dolianova, la cui delicatezza si accosta molto bene ad un buon piatto di zuppa di zucca.

Pin It on Pinterest

Share This